Skip to main content

Planet of the Humans

Nella loro opera “Il pianeta degli umani" Michael Moore e Jeff Gibbs danno un contributo molto importante alla discussione sulle energie rinnovabili e sulle logiche della nostra società. Mostrano infatti come politici, amministratori, cittadini preoccupati e uomini d'affari cerchino di risolvere un nuovo problema rigorosamente con mezzi tradizionali: mediante la legislazione, l' organizzazione, le montagne di denaro (fiscale) e semplicemente ignorando i problemi. In tal modo, Moore e Gibbs descrivono correttamente le vere ragioni del continuo e inarrestabile aumento di CO2 anno dopo anno. Parlando, mostrano un attitudine molto pericolosa della nostra società, e questo è il grande merito del loro lavoro.

Inoltre, ci mostrano una società, in cui la fisica non esiste più. Ora è logico ed evidente che problemi fondamentalmente nuovi come il riscaldamento globale richiedano soluzioni fondamentalmente nuove. E le soluzioni fondamentalmente nuove devono innanzitutto provenire dalla fisica. Ma nella società rappresentata nel film, la fisica è così assente, che la sua assenza non viene nemmeno notata e non può essere espressa a parole. Ma qualcosa deve essere detto, le parole devono essere trovate. Quindi si verifica un'azione di spostamento: invece di dire "qui manca la fisica", dicono "qui è colpa del capitalismo".

Questo ovviamente non può essere vero, dal momento che il problema delle energie rinnovabili è o era ancora peggio nelle società socialiste o comuniste (ricordiamo Chernobyl). Ma anche questa azione di spostamento formalmente insensata non si riduce, ma piuttosto contribuisce alla importanza del film, poiché mostra fino a che punto la confusione ha permeato la nostra società.

A chi non conosce la fisica, o a chi conosce la fisica solo per nome, dalle noiose lezioni di scuola, può sembrare che le mega tecnologie mostrate nel film abbiano a che fare con la fisica: sono strane, costose, non puoi capirle. Quindi è fisica? In realtà, non lo è. Stiamo provando a mostrarlo in Fisica&Arte. I mega progetti giustamente criticati nel film sono progetti di burocrazia. Ma non sono fisica. Perché sono irragionevoli. La fisica è ragionevole. E la fisica sicuramente non è contro la natura. La fisica è natura. Ad esempio, le piante e gli esseri umani sono incredibili capolavori dal punto di vista della fisica.

Naturalmente tutti e tutto possono essere utilizzati in modo sbagliato. Anche l'amore. Questo significa che rinunciamo all'amore? Basta quindi non riferirsi in modo sbagliato alla fisica. In Fisica&Arte proviamo a spiegarlo meglio.

Ultimo punto ma non meno importante: alcuni dettagli tecnici presentati da Gibbs sono sbagliati, ma è naturale: cosa ti aspetti da un regista in una società in cui la fisicaè assente?

Ad esempio, il metallo e il vetro utilizzati per la costruzione di impianti solari tradizionali (senza fisica) non rappresentano un vero problema. Puoi riciclarli. Sfortunatamente, i veri problemi sono persino peggiori di quello che presenta Gibbs, ma hai bisogno di un pò 'di fisica per vederli. Se vuoi vedere un vero problema, dai un'occhiata all'ultimo di questi grandi impianti, a Quarzazate:  consumano milioni di tonnellate di acqua ogni anno. Quest'acqua è evaporata, nel mezzo del deserto! La fisica ci dice che il vapore acqueo è un gas serra molto potente, peggio della CO2. Di solito l'aria del deserto è secca, così che il calore proveniente dal deserto viene irraggiato dal pianeta direttamente nell'universo freddo. Quando copri il deserto con uno strato di vapore acqueo, questa radiazione di calore dalla superficie del deserto viene intrappolata nell'atmosfera, riscaldando il pianeta. Lo sapevi?

E Quarzazate sicuramente non è capitalismo: la piccola quantità di energia fornita da Quarzazate (è solo il 15% circa efficiente) è prodotta a un prezzo incredibilmente alto, nessun capitalista farebbe mai qualcosa del genere. Quindi, dove il film è sbagliato, la verità è anche peggio.

Alberi: ancora una volta il film dice qualcosa di importante: non bruciare alberi! Le scene finali del film sono così importanti. Non bruciare alberi.
Utilizzare invece la biomassa di scarto. Alla fine della sua vita, tutta la biomassa prodotta dalle ceneri torna in cenere, si decompone producendo CO2 e calore. La morte fa parte della natura, non combatterla. Usa semplicemente questo calore per vivere. Di solito la biomassa in decomposizione dissipa il suo calore direttamente nell'ambiente. Invece, lascialo fluire attraverso la tua casa, prima di dissiparlo nell'ambiente. E poiché nessuno vuole un enorme mucchio di biomassa in decomposizione di fronte alla casa, usa invece un gassificatore. È lo stesso, solo senza puzza.
E come evitare che la fisica si perda nella burocrazia e nel tradimento? C'è un solo modo: radicarla nella cultura. Questo è ciò che cerchiamo di spiegare in Fisica&Arte. La fisica deve essere in armonia con la natura e con la cultura.
Secondo Eraclito, la guerra è il padre di tutti. E cos'altro può ridurre il numero di esseri umani da 10 miliardi a meno di 1, come richiesto da Moore e Gibbs? Solo guerra. Ora sarebbe la guerra più devastante di tutte, l'apocalisse. Ma se sostituiamo le forze creative liberate dalla guerra con le forze creative dell'arte? Non potremmo creare nuovi pensieri e nuove cose sotto la meravigliosa influenza della cultura, invece della mortale minaccia della guerra? Alla fine, questo è ciò che riguarda FIsica&Arte quindi è davvero una risposta a Moore e Gibbs. Sì, possiamo, ma non senza fisica.
Secondo Beuys (un artista, che è stato anche uno dei fondatori del movimento verde), tutti sono artisti. Bene, tutti sono anche fisici. La fisica è ciò che puoi capire. Ciò che non puoi capire, non è fisica. La fisica sei tu.
La società ha cercato ormai da almeno 30 anni di combattere l'aumento di CO2 senza fare fisica. Dobbiamo urgentemente cambiarlo. Per favore aiutaci. Per favore, guarda questo film.